Escursione 27 Ottobre

Passeggiata per Vicoli e Scale di Napoli
e Visita Guidata al Museo dello Scudillo
e alla Centrale di Sollevamento Pagliara

Appuntamento: ore 9:45 davanti casotto metro M2 in Piazza Cavour (f.te Porta S.Gennaro)
Accompagnatore & info: Salvatore Montella AER FIE
Dettagli Escursione
  • Percorso principale: Sanità – Scudillo – Vomero – Arenella – Materdei – etc.
  • Sviluppo: 10 km ca.
  • Tempo di percorrenza (in ore): 5/6h incluse soste
  • Tipo di Percorso: urbano
  • Inizio Percorso: Piazza Cavour
  • Fine percorso: Centro storico
  • Difficoltà: T (Turistica)
  • Equipaggiamento: scarpe comode da passeggio, giacca
  • Pranzo: Pranzo a sacco da portare o comprare lungo il tragitto
  • Rifornimento idrico: 1,5L (da portare) o comprare lungo il tragitto
  • Mezzi di trasporto: mezzi propri o trasporto pubblico
  • Come arrivarci: con la M2 fermata Piazza Cavour o con la M1 fermata Museo (proseguire poi a piedi fino al casotto della M1)
  • Carta dell’escursione: pianta topografica della Città di Napoli
  • Promemoria: Per tutti i soci del mondo FIE non iscritti a Napoli Trek Vesuvio interessati all’evento, portarsi dietro la tessera della FIE da presentare ai responsabili dell’escursione. Per i non soci FIE obbligatoria assicurazione giornaliera del costo di 5€
Descrizione
In occasione dell’evento Open House Napoli, il Museo dello Scudillo (Via del Serbatoio allo Scudillo 10) e la Centrale di Sollevamento “Pagliara” saranno aperti ai visitatori.
Un viaggio attraverso la storia dell’Acquedotto di Napoli, organizzato per mostrare luoghi di solito inaccessibili a chi non avesse ancora avuto la possibilità di conoscerli.
Entreremo nel Centro di Telecontrollo di ABC, scenderemo nel sottosuolo fino alle vasche di accumulo del serbatoio e concluderemo il percorso all’interno della Centrale di Sollevamento “Pagliara”, raro esempio d’architettura industriale napoletana del ‘900, che consente il sollevamento dell’acqua verso le quote più alte della città. Nella Centrale faranno da ciceroni architetti e studenti della facoltà di architettura di Napoli.
L’orario del ns ingresso è alle ore 12:00, quindi la ns camminata sarà strutturata in modo da trovarci alla centrale per l’orario prestabilito.
Si ricorda che per motivi di sicurezza non è consentito l’accesso ai bambini di età inferiore ai 10 anni e ad animali domestici.
Percorso
Partiremo da Piazza Cavour alla volta della Sanità, percorrendo via dei Crociferi, via Vergini, via Arena alla Sanità, passando davanti agli storici palazzi detti “dello Spagnuolo” e “Sanfelice”, poi davanti la pasticceria Poppella, che ha costruito la sua fortuna con il “fiocco di neve”, uno squisito bignè alla crema, che potremo assaggiare (acquisto facoltativo). La passeggiata proseguirà per vico Lammatari, per la chiesa di S. Maria alla Sanità (conosciuta come chiesa di San Vincenzo ‘O Munacone), per il Ponte alla Sanità dove potremo vedere dei nuovi murales appena ultimati, e proseguire lungo via Fontanelle. Se avremo tempo, faremo una visita veloce ai Pozzi di Acquaquiglia e al Cimitero delle Capuzzelle, altrimenti imboccheremo subito via del Serbatoio per salire al manufatto dell’ABC – Acquedotto di Napoli – dove ci dobbiamo trovare entro le 12 per effettuare la visita guidata al Museo, alle vasche e alla Centrale di Sollevamento Pagliare, facendo un tuffo nella storia degli acquedotti di Napoli.
La passeggiata proseguirà verso l’Ospedale Cardarelli per vedere il bel murales di Agoch Jorit dedicato proprio ad Antonio Cardarelli, per poi scendere lungo via Bernardo Cavallino e deviare nel Borgo Due Porte all’Arenella.
Qui godremo di un affaccio su Napoli e tra vicoli e altre pareti tufacee, raggiungeremo Materdei.
Chi vuole può andar via, altrimenti la passeggiata potrà proseguire in saliscendi tra i vicoli storici che passano sotto il Corso Vittorio Emanuele, risalendo verso il Vomero e tornando giù nel centro storico. Queste variazioni saranno decide dall’accompagnatore sulla baase del numero di partecipanti, della loro preparazione fisica, sulla loro conoscenza di Napoli e sul tempo a disposizione prima che cali il buio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *