Escursione 1 Maggio

Passeggiando tra la Grotta dei Briganti e le sorgenti
Nel Parco Regionale dei Monti Lattari

  • Appuntamento: 9:00 Uscita Vesuviana di Castellammare di Stabia
  • Accompagnatori e info: Annamaria Sicignano (3917761716)
    LA PARTECIPAZIONE ALL’EVENTO E’SUBORDINATA ALLA CONFERMA ENTRO SABATO ORE 12

Dettagli Escursione:

  • Durata ore: 7 ore circa (soste escluse)
  • Difficoltà: EE
  • Dislivello totale: +/- 850 mt
  • Lunghezza del sentiero: 18 km circa fino a Vico Equense, 21 km circa per chi prosegue fino a Castellammare di Stabia
  • Equipaggiamento: abbigliamento da montagna (scarpe da trekking, abbigliamento a strati, ricambi, cappellino e crema solare)
  • Attrezzatura: bastoncini telescopici, macchina fotografica
  • Pranzo e acqua: Pranzo al sacco e rifornirsi di almeno 2 lt di acqua prima della partenza
  • Mezzi di trasporto: auto proprie o circumvesuviana
  • Note importanti e raccomandazioni:
    • Tutti i rifiuti vanno portati a casa
    • Gli organizzatori si riservano il diritto di modificare il percorso o di annullare l’escursione, in caso di condizioni meteo avverse.
    • Misure anti Covid 19:
      • mascherina, gel disinfettante
      • autocertificazione di non essere affetti da Covid 19 (scaricabile qui) da consegnare all’accompagnatore prima dell’inizio dell’escursione.
      • Si raccomanda di rispettare la distanza di sicurezza di 1m tra i partecipanti e ricordare l’obbligo di indossare la mascherina in caso di distanza ravvicinata.

Descrizione:Dal luogo dell’appuntamento ci dirigeremo verso il centro antico fino all’ acqua della Madonna dove prenderemo le scale di Salita Visanola fino al castello Angiolino medioevale (che fu costruito nel IX sec dal Duca di Sorrento) che domina la collina di Pozzano, Madonna della Libera, dove potremo visitare anche un piccolo rudere di una vecchia cappella dedicata a San Raffaele.
Proseguiremo verso la basilica di santa Maria di Pozzano superiore dove imboccheremo sulla sinistra il sentiero CAI 336 B che conduce all’ imbocco del Vallone Scurolillo, luogo affascinante ma selvaggio. Percorreremo la gola detta la Mandria, continueremo verso il piano Currione, in un fitto bosco ricoperto di felci e rovi utilizzato un tempo dai pastori, per poi lasciare il sentiero principale per un piccolo sentiero ripido ed inoltrarci in un vallone detto Vena dei briganti. E’ qui che raggiungeremo la grotta nascondiglio dei Briganti (detta anche “casa”) e risaliremo per riprendere il sentiero 336B, fino a un piccolo rifugio (capanno dei cacciatori) per poi dirigerci verso Capo D’Acqua.
Scenderemo e percorreremo il “Sentiero di Mario” e risalendo tra la macchia mediterranea giungeremo sul sentiero della Sperlonga dove c’è una piccola grotta con all’interno una sorgente d’acqua cristallina proveniente da Capo D’Acqua.
Proseguiremo scendendo verso la chiesa di Santa Maria del Toro, fino alla stazione della vesuviana di Vico (per chi volesse è possibile proseguire ancora attraverso un sentiero alternativo che ci condurrà sulla statale, fiancheggiando il mare fino alla vesuviana di Castellammare di Stabia).
Linee Guida per la partecipazione all’escursione: Napoli Trek Vesuvio, nell’interesse della salvaguardia della salute dei partecipanti alle attività proposte e nel rispetto della normativa vigente per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, aderisce alle Linee Guida della Federazione Italiana Escursionismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.